Italia, cala produzione industriale

Economia confermata in fase di stagnazione, dopo i dati trimestrali sull'andamento della produzione industriale.

Secondo i dati Istat, infatti, cala del 4.8% la produzione su base mensile, soprattutto nel settore tessile e abbigliamento, maglia nera con il -12.7% e il settore chimico con -9.3%.

A livello trimestrale, azzerato l'incremento rilevato nei mesi precedenti, portando la produzione su base trimestrale a -0.1%, dovuto ad una stagnazione di tutto il comparto manifatturiero.

Diverse le condizioni dei settori innovativi e ad alto contenuto tecnologico, con un forte balzo avanti per esempio del comparto di automazione industriale, materiale medico,  il comparto ITC e TLC, quello informatico e i nuovi settori di biotech e nanotecnologie, purtroppo poco sviluppate in Italia a causa di scarsi incentivi sulla ricerca.

Scarso l'apporto dal settore edile, con costruzioni ferme al palo e un timido segnale di miglioramento atteso per il 2012 grazie al piano casa, che dovrebbe portare per il prossimo anno, circa 15.000 potenziali immobili pronti alla realizzazione.

Al ribasso anche le stime sul PIL, che passa dallo 0.7% allo 0.5% mentre da Bruxels, le stime sono più negative con un PIL a +0.1% su base annua.

Consigliato per chi vuole investire

Investire Facile è un blog dedicato alle PMI e a tutti gli aspiranti imprenditori, con consigli, guide utili e idee per fare business.