Piano Casa in Veneto rilancia Edilizia

Se l'edilizia rallenta per effetto della crisi dei mutui, il Piano Casa prorogato di recente in Veneto, consente al settore di recuperare almeno in parte le perdite accantonate nel 2009 e 2010.

 
Fin'ora il piano casa lanciato dalla regione Veneto ha portato complessivamente 12.000 domande che dovrebbero diventare 23.000 entro il 2014, anno di termine della proroga.
 
Le maggiori richieste riguardano piccoli interventi e aumenti di cubatura piuttosto limitati, mentre sono state poche le richieste di ricostruzione a seguito di demolizione completa di vecchi edifici, per lo più relativi a capannoni industriali e case coloniche.
 
In forte crescita i bonus di cubatura per edifici a norma sul versante risparmio energetico, anche grazie all'installazione di pannelli solari, pannelli fotovoltaici e tecniche di costruzione tipiche delle case passive.
 
 
Tra le province più attive troviamo Padova con 2292 domande, Treviso con 2181 e Vicenza con 1892 con richieste perà frammentate in centinaia di comuni, con Chioggia, Piove di Sacco e Castelfranco Veneto tra i più attivi.
 
Nel 2010 e 2011, il piano casa dovrebbe mettere sul piatto circa 1 miliardi di investimenti in edilizia con effetti benefici per le economie locali fino al 2014