Fieracavalli 2005 chiude con 130mila visitatori

Bilancio da record per la 107ª edizione della manifestazione, che si è conclusa ieri a Veronafiere.


Straordinario successo del Salone Bambini & Cavalli. L'olandese Albert Zoer vince l'unica tappa italiana della Fei World Cup di salto ad ostacoli.


Più di 130mila visitatori per la 107ª edizione di Fieracavalli, conclusasi ieri a Veronafiere con un incremento del 6% rispetto al 2004 nelle quattro giornate di manifestazione, che hanno ospitato 550 espositori tra italiani ed esteri, quasi 900 giornalisti (+12% rispetto al 2004) e 2.600 soggetti di tutte le razze equine.

Un record di presenze per una rassegna che si conferma il punto di riferimento internazionale dell’universo equestre, sia per gli appassionati che per gli sportivi, i quali hanno potuto assistere all’unica tappa italiana della Fei World Cup di salto ad ostacoli.

Ad aggiudicarsi la gara è stato l'olandese Albert Zoer, classe 1975, su Oki Doki, che ha compiuto il percorso in 39 secondi e 11 centesimi. Vittoria anche per l'Italia, con il secondo posto di Juan Carlos Garcia e con il quinto della giovanissima Beatrice Patrese.

Grande successo anche per il salone Bambini & Cavalli, un appuntamento ormai irrinunciabile per i più piccoli e le famiglie, allietato da moltissime novità ludiche e ricreative, tra cui l'Inno Fieracavalli cantato dal vivo dal Coro dell'Antoniano.

«Siamo soddisfatti del risultato raggiunto - afferma Luigi Castelletti, presidente di Veronafiere - quasi 10mila presenze in più rispetto allo scorso anno sono l'esito degli sforzi e dell'impegno costante di tutto il team di Veronafiere per promuovere e confermare l'internazionalità di Fieracavalli. Nonostante la pioggia, l'intensa affluenza di visitatori è stata gestita adeguatamente, grazie all'alto livello dei nostri servizi. Abbiamo avuto importanti presenze istituzionali, tra le quali Gianpaolo Dozzo, sottosegretario per le Politiche Agricole e Forestali,  il quale ha sottolineato l'importanza nel valorizzare il territorio nazionale attraverso il mondo equestre e il vicepresidente del Veneto Luca Zaia e Aldo Brancher, sottosegretario alle Riforme Istituzionali e Devoluzione».

«Abbiamo offerto un programma ricco di eventi e di iniziative di carattere ludico, culturale, sportivo ed educativo», ha osservato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, «con particolare attenzione per i più piccoli; dal Salone del bambino al Galà Junior, al Coro dell'Antoniano spettacoli e giochi studiati a misura di bambino».

Hanno completato l’offerta e contribuito al grande successo di questa edizione di Fieracavalli il Western Show, la presenza del Cavallo Arabo, arricchita dalla visita della principessa Alia di Giordania e dei rappresentanti del Cavallo Spagnolo, che nelle rispettive vetrine hanno messo in mostra i migliori soggetti.